Il tuo browser non supporta JavaScript!

Parodia di un paradigma comportamentale eroico in Plaut. Amph. 252

digital Parodia di un paradigma comportamentale eroico in Plaut. Amph. 252
Articolo
rivista AEVUM ANTIQUUM
fascicolo AEVUM ANTIQUUM - 2004 - 4
titolo Parodia di un paradigma comportamentale eroico in Plaut. Amph. 252
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2017
issn 1121-8932 (stampa) | 1827-7861 (digitale)
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il resoconto militare di Sosia nell’Amphitruo (vv. 186-262) costituisce uno dei maggiori esempi dell’abilità parodica di Plauto. In questa cornice risalta il carattere parodico dell’uso del verbo obtruncare al v. 52 (ipsusque Amphitruo regem Pterelam sua optruncavit manu). Per quanto attiene all’ambito propriamente stilistico tale voce riveste spesso nell’usus plautino un valore marcatamente paratragico, come si evince dai loci paralleli di XCIII inc. inc. fab. R2 ed Aen. II, 557-8, a proposito del quale il commento serviano riconduce a Pacuvio l’immagine del truncus di Priamo abbandonato sulla spiaggia troiana. Sul piano tematico-ideologico il verso plautino in esame pare, in particolare alla luce di Val. Max. III, 2, 3-6, il riecheggiamento di un paradigma comportamentale eroico attribuito dalla tradizione romana solo a pochi eroi nazionali: quello della decapitazione del dux nemico o di un rappresentante eccellente dello schieramento avversario.

Pinterest