Il tuo browser non supporta JavaScript!

Le performances di Egemone FakÁ (ovvero, le potenzialità ironiche di un soprannome ‘edibile’)

digital Le performances di Egemone FakÁ (ovvero, le potenzialità ironiche di un soprannome ‘edibile’)
Articolo
rivista AEVUM ANTIQUUM
fascicolo AEVUM ANTIQUUM - 2004 - 4
titolo Le performances di Egemone FakÁ (ovvero, le potenzialità ironiche di un soprannome ‘edibile’)
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2017
issn 1121-8932 (stampa) | 1827-7861 (digitale)
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

La FAKH («zuppa di lenticchie») era un piatto molto comune nella Grecia antica, spesso apprezzato anche per la sua tradizionale semplicità; il nome, perciò, fu usato anche in funzione proverbiale (to epiè t+% fak+% muéron) o come soprannome, per esempio nel caso del poeta Egemone di Taso. Il termine fakh% vanta numerose attestazioni anche in ambito comico, che sembrano rivelare una funzione puramente referenziale; è probabile, però, che l’espressione fakh%n r|ofei%n sia stata impiegata sia da Aristofane sia da Eupoli con evidenti finalità di citazione, forse in virtù della portata allusiva del nesso che avrebbe potuto rinviare proprio alle performances di Egemone.

Pinterest