Il tuo browser non supporta JavaScript!

La maschera e il volto. Orazio, ars 86 ss.

digital La maschera e il volto. Orazio, ars 86 ss.
Articolo
rivista AEVUM ANTIQUUM
fascicolo AEVUM ANTIQUUM - 2004 - 4
titolo La maschera e il volto. Orazio, ars 86 ss.
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2017
issn 1121-8932 (stampa) | 1827-7861 (digitale)
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Una rilettura della pagina di Orazio, ars 86-118, condotta con l'ausilio di passi di Aristotele (rhet. 3, 7, 1408a, 10 ss.; poet. 1455a, 30 ss.) e di Cicerone (de orat. 2, 185 ss.), induce a ridimensionare l'esegesi proposta da Florence Dupont all'interno di una sua recente valutazione del ruolo dell'attore (in particolare tragico) nel teatro romano. L'attore 'oraziano' non è un "epiteto", una immagine fissa sprovvista di carattere, una maschera senza volto; al contrario è un vultus che ha sembianze e sensi umani, in virtù dei quali soltanto può scattare la sympatheia degli spettatori e l'autore, conseguentemente, può esercitare la sua azione psicagogica. Anche per questi aspetti l’Ars non rispecchia una situazione di fatto del teatro romano, bensì propone un modello di teatro non ancora realizzato a Roma, portando avanti la battaglia che Orazio ha da sempre condotto contro la rozzezza e l’improvvisazione, contro la amoralità di una letteratura disancorata dall’impegno etico e civile come dalle norme del decorum e della coerenza artistica.